Museo Hendrik Christian Andersen: un luogo segreto da scoprire a Roma

C’è un posto a Roma, poco conosciuto e poco frequentato. E’ un museo piccolo e tranquillo che si trova in centro, poco lontano da Piazza del Popolo e da altre attrazioni turistiche molto frequentate. Il Museo Hendrik Christian Andersen si trova in una via silenziosa, lontana dagli sguardi dei turisti che sfrecciano da una parte all’altra di Roma, per scopre le sue attrazioni più famose. E’ un piccolo tesoro, uno dei luoghi segreti di Roma che vale la pena di scoprire e di esplorare. Un posto dove andare, anche solo per trovare un po’ di tranquillità, tra la visita di un museo e una passeggiata in centro.

La casa museo Hendrik Christian Andersen

Handrik Christian Andersen fu uno scultore e pittore di origine svedese, nato nel 1872 a Bergen e morto a Roma nel 1940. Si trasferì a vivere a Roma nel 1893 per studiare e poi decise di viverci stabilmente. Il museo a lui dedicato non è altro che la sua dimora, la Villa Helene, che costruì lui stesso e che donò allo stato italiano alla sua morte.

La Villa fu costruita tra il 1922 e il 1925 su un progetto creato dallo stesso Andersen. Da fuori appare come una palazzina color rosa, con molte decorazioni in stile neorinascimentale, tra cui le teste che ritraggono alcuni dei suo familiari. La casa era stata progettata per ospitare al primo piano la sua abitazione e al piano terra il suo studio di scultura.entrata del museo Hendrik Christian Andersen

Nel 1998 la palazzina viene restaurata e finalmente il museo viene aperto al pubblico.

Entrando al museo Hendrik Christian Andersen, vi trovate in un piccolo atrio da cui si accese, a destra e a sinistra a due grandi sale di eguale dimensione. A sinistra si trova l’atelier, un ampio spazio che che era utilizzato come studio e che oggi ospita alcune delle sue sculture più significative. La stanza è illuminata dalla luce naturale che filtra dal lucernario sul soffitto. Vi consiglio di visitare il museo in pieno giorno per godere della bellezza di questo ambiente inondato di luce.

bambino visita il museo Hendrik Christian Andersen

La stanza di destra era invece utilizzata come sala di rappresentanza dove Andersen mostrava le opere terminate ai suoi committenti. Oggi, oltre alle sue sculture, si trovano anche degli arredi originali della sua abitazione, dei dipinti e gli studi di vari progetti tra cui quello della Città Mondiale, il più ambizioso sviluppato da Andersen.

sculture in marmo nero e gesso di Handrik Christian Andersen

Dalle sue sculture si percepisce l’amore che l’artista aveva per lo stile e l’arte classica e la passione per le opere monumentali e grandiose. Hendrik Christian Andersen credeva che l’arte, soprattutto quella monumentale, aiutasse l’uomo ad automigliorarsi e a portare pace e serenità nel mondo.

 

Il piano superiore, che un tempo ospitava gli appartamenti dove abitava lo scultore, sono oggi usati per mostre di artisti stranieri.

stanza del museo con grandi vetrate

Orari e prezzi

Il Museo Hendrik Christian Andersen si può visitare dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30. E’ chiuso tutti i lunedì. L’ingresso è gratuito, motivo in più per approfittare e visitarlo al più presto. Tutte le informazioni le trovate sul sito del Mibact.

Cosa vedere nei dintorni

C’è solo l’imbarazzo della scelta su cosa vedere nei dintorni, perché il Museo Hendrik Christian Andersen si trova in una posizione strategica. Se avete dei bambini a pochi passi trovate Explora, il museo dei bambini di Roma.
Proseguendo in direzione sud, arriverete in 10 minuti a Piazza del Popolo da cui si accede a Villa Borghese dalla Terrazza del Pincio.
Andando dalla parte opposta si raggiunge in breve tempo Viale delle Belle Arti dove ci sono vari musei come la Galleria Nazionale di Arte Moderna, il Museo Etrusco di Villa Giulia e anche l’Istituito di Cultura Giapponese con il suo bellissimo giardino Giapponese. Anche da qui potrete accedere a Villa Borghese.
Infine il Museo Hendrik Christian Andersen si trova a due passi dal Tevere. Attraversandolo in circa 25 minuti a piedi si arriva a Piazza San Pietro e a Castel Sant’Angelo.

Se ti piace questo post, condividilo!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.