Buon 2019: inizia una nuova avventura!

Un nuovo anno è appena iniziato. Come sempre arrivati a questo punto tiro le somme dell’anno appena terminato e comincio a pensare a quello nuovo e a cosa porterà con sé.
Non amo fare la lista dei buoni propositi per l’anno nuovo. Penso sempre che non serva aspettare l’inizio di un anno per prendere delle buone abitudini, ma che ogni momento sia buono per farlo. Mi piace invece pensare all’anno appena cominciato come ad una scatola vuota, pronta per essere riempita di esperienze e nuove avventure. Dove andrò? Cosa farò? Quali sono i posti che vorrei visitare e i viaggi che sogno di fare? L’anno scorso pensavo a Lisbona, New York e Vienna. Per fortuna almeno una delle tre mete sono riuscita a raggiungerla. Ma anche se non ho realizzato tutti i miei traveldream del 2018, ho comunque avuto la fortuna di andare in posti stupendi e vedere cose eccezionali. E per il 2019 cosa sogno di fare? Il desiderio è sempre lo stesso: viaggiare il più possibile.

Ma questo nuovo anno sarà un po’ diverso dagli altri. Nel 2019 ci saranno molti più pannolini da cambiare e pappe da preparare che viaggi da organizzare, poco tempo per scrivere e fare fotografie e tante notti insonni a cantare ninne nanne. Il 2019 sarà diverso in tutto: dovrò mettere da parte per un po’ i viaggi, le gite fuori porta e anche il blog per dedicarmi alla bambina che sta arrivando.
A febbraio diventerò mamma per la seconda volta e questa sarà la mia grande avventura del 2019 e anche il motivo per cui sarò assente dal blog per un po’ di tempo.

Buon anno nuovo!

Il 2018 è stato un anno in cui ho fatto molte cose belle. Avrei voluto farne molte di più, su questo non c’è dubbio, ma sento di non potermi lamentare.

Mi ricordo come se fosse ieri, il giorno in cui ha nevicato a Roma. Era la fine di febbraio e nonostante le previsioni, nessuno credeva veramente che sarebbe successo. Poi quella mattina ci siamo svegliati presto e come in una favola, fuori dalla finestra era tutto bianco.

La neve a Roma: vista dalle finestra

Quello è stato sicuramente il giorno più magico dell’anno. Senza pensarci su due volte ci siamo vestiti e siamo usciti per scoprire Roma sotto ad una veste completamente nuova.

Buon 2019: la neve a Roma

Buon 2019: la neve a Roma

Mi ricordo il giorno in cui ho finalmente ultimato e pubblicato la mia Guida Fotografica di Roma. Che soddisfazione! C’è voluto tanto tempo e tanto impegno per idearla e realizzarla, ma è stato anche un gran piacere, perché mi ha spinto ad approfondire la mia conoscenza di Roma e a girare la città in lungo e in largo. Sicuramente oggi non conoscerei tutti quegli angolini nascosti che tanto mi piacciono, se non fosse stato per questo progetto.

Guida Fotografica di Roma

Grazie mille a tutte le persone che l’hanno acquistata e grazie davvero a chi ci ha tenuto a farmi sapere la sua opinione, scrivendomi, spesso inaspettatamente, per dirmi quanto l’abbia apprezzata e per darmi dei consigli preziosi.

All’inizio dell’estate e poi di nuovo a settembre, ci siamo trasferiti per un periodo in montagna. Una vacanza (non per tutti visto che Cosimo ci è andato per lavoro) inaspettata che, se non altro, ci ha fatto scappare dall’insopportabile caldo di Roma per un po’. Nonostante la montagna non sia proprio il mio habitat naturale, ho passato dei momenti molto piacevoli in mezzo alla natura e sicuramente la cosa che più mi è piaciuta di questi luoghi sono stati i laghi: Braies, Dobbiaco, Antorno, Misurina.

Poi finalmente Vienna. E’ stata una vera emozione arrivare in questa città che per tanto tempo ho desiderato visitare. La ricordo dai tempi delle superiori, quando a scuola studiavo Klimt e la Secessione e avrei dato qualsiasi cosa per andarci e vedere tutto con i miei occhi. Vienna mi ha ricordato Trieste, ma più sontuosa, più imperiale e molto più viva.

Ho amato i suoi caffè letterari e che emozione mangiare la Sacher, quella vera, originale, fatta nel luogo dove è stata ideata.

Un luogo tra tutti che ricorderò e che vi consiglio di vedere se siete a Vienna è il Palazzo di Giustizia.

E poi le tante gite fatte nell’ultimo periodo. Il ritorno a Bomarzo, dove ero stata una volta da bambina e che tanto mi aveva colpito.

Il Parco dei Mostri di Bomarzo: il grande mostro

La scoperta di città stupende a pochi passi da noi come Ferrara, Perugia e Siena.

Perugia

Ed infine i colori dell’autunno, sempre bellissimi, ma che quest’anno mi hanno stregata con la loro magia più del solito.

L'autunno

Il 2018 si è concluso a Trieste, come ormai da tradizione. Qui, da qualche anno a questa parte, veniamo a passare il Natale con tutta la famiglia. Lasciare Trieste questa volta è stato strano. So che la prossima volta che ci tornerò ci sarà un membro in più della famiglia e molte cose saranno diverse.

Se c’è una cosa che ho fatto in questo 2018 appena passato è scattare tante foto, così tante da non aver avuto modo di pubblicarle tutte su Instagram. Il 2019 (almeno l’inizio) sarà una buona occasione per spulciare il mio archivio e pubblicare tutto quello che non vi ho fatto vedere. Le circostanze non mi permetteranno di viaggiare per qualche mese, ma il tempo per pubblicare un po’ di foto lo troverò sicuramente.

Buon 2019!

Buon 2019